Una buona igiene orale nell’anziano, oltre a preservare più a lungo i denti naturali, protegge anche la salute generale, perché consente di evitare compromissioni sistemiche che sono all’origine di focolai d’infezioni acute e croniche.

Una buona igiene orale è alla base del benessere di tutto il corpo, anche nelle persone molto anziane. Uno studio del 2008, ad esempio, ha dimostrato che 1 caso su 10 di polmonite in anziani residenti presso case di riposo può essere prevenuto migliorando l’igiene orale.

Nella persona molto anziana però entrano spesso in gioco problemi di tipo motorio e cognitivo che possono interferire pesantemente con la buona pratica d’igiene orale quotidiana.

Uno studio recentemente pubblicato su Acta Odontologica (maggio 2018) ha messo a confronto l’efficacia degli spazzolini elettrici e di quelli manuali in 100 pazienti anziani residenti in casa di riposo: l’obiettivo era di verificare se i pazienti fossero più motivati a curare la propria igiene orale anche a lungo termine potendo scegliere il tipo di spazzolino preferito.

L’età media dei pazienti inclusi nello studio è stata di 86 anni, di cui oltre il 50% mostrava da moderato a grave deterioramento cognitivo. Su 100 partecipanti allo studio, 46 ha preferito utilizzare lo spazzolino elettrico.

Dopo 1 anno, la quantità di placca batterica presente nel cavo orale di questi pazienti, utilizzata come indice d’igiene, era significativamente ridotta senza che vi fossero particolari differenze tra i pazienti che usavano spazzolini elettrici e quelli che avevano spazzolini manuali.

Lo studio suggerisce come sia fondamentale , in questa specifica categoria di pazienti, escogitare strategie per motivare le persone anziane a occuparsi regolarmente della propria igiene orale, a prescindere dal tipo di spazzolino utilizzato.

In una popolazione generica di pazienti, i dati oggi a nostra a disposizione, tendono a favorire l’impiego dello spazzolino elettrico con movimento rotatorio e oscillatorio rispetto a quello manuale (Van der Weijden FA, Slot DE. J Clin Periodontol. 2015).

Alla luce di quanto sopra riportato, sembra lecito concludere come al paziente anziano istituzionalizzato, debbano essere messi a disposizione sia spazzolini manuali che elettrici in modo che sia lui a scegliere, in base alle sue preferenze e capacità cognitive/manuali, a quale tipo di strumento affidare la propria igiene orale.

Solo spazzolando regolarmente i denti è infatti possibile garantire un miglioramento significativo della salute della bocca e del benessere generale anche nelle persone anziane.

Riscopri il piacere di sorridere

Contattaci