Per sorridere a qualsiasi età: protesi dentali fisse e mobili

La mancanza di uno o più denti (edentulia) può comportare problemi all’intera bocca. L’arcata dentale infatti è progettata per funzionare in modo ottimale quando è completa: i denti si sostengono vicendevolmente e, se ci sono spazi vuoti, il tessuto gengivale e osseo si indebolisce. Aumenta così il rischio di sviluppare disturbi paradontali e/o carie, con possibile perdita di altri denti. È possibile correggere anomalie estetiche di forma, colore o posizione dei denti naturali applicando delle protesi, che possono essere fisse (corone e ponti), o mobili (parziali o totali).

Protesi Dentaria Fissa

Le protesi fisse sostituiscono i denti naturali mancanti o compromessi con soluzioni artificiali definitive e stabili, cementate sui denti del paziente o avvitate su impianti e rimovibili solo chirurgicamente. Si tratta di corone (ricostruzione di un solo dente), ponti (sostituzione di più elementi ancorati a denti del paziente) e faccette (rivestimento anteriore di denti molto usurati).

Protesi Dentaria Mobile

La protesi mobile è preferibile quando è necessario sostituire un’intera arcata dentale ma può essere sia totale che parziale. La totale è formata da denti in resina che poggiano su un supporto che imita l’aspetto delle gengive. Non è ancorata ad alcun dente ma viene fatta aderire alle gengive attraverso una ventosa. La parziale è usata per sostituire uno o più denti, viene ancorata tramite dei ganci ai denti naturali residui del paziente o agli impianti. Entrambe possono essere rimosse dal paziente per le operazioni di igiene quotidiana.

Oltre all’aspetto estetico, la perdita di uno o più denti, se non compensata, provoca nel tempo dei problemi. Il resto della dentatura, venendo a mancare il sostegno e l’opposizione di uno o più denti, tenderà infatti a inclinarsi o a estrudersi, uscendo progressivamente dalla sua sede.

Riscopri il piacere di sorridere

Contattaci