• Non dormi bene? Chiedi aiuto al tuo dentista!

    Non dormi bene? Chiedi aiuto al tuo dentista!

    Apnee notturne, russamento e altri disturbi respiratori del sonno spesso sono collegati ai problemi di masticazione, ma il 60% dei pazienti non sa che può chiedere aiuto al proprio dentista.

    Tutti sappiamo che un sonno riposante è fondamentale per affrontare la giornata con la giusta carica di energia mentale e fisica. Purtroppo, però, almeno il 45% della popolazione mondiale, compresi bambini e anziani, soffre di disturbi del sonno, con forti ripercussioni sulla vita di ogni giorno.

    L’insonnia riduce la capacità di concentrazione portando a cambi d’umore e a una riduzione della qualità delle prestazioni scolastiche o lavorative. I pazienti che soffrono d’insonnia, inoltre, presentano più spesso di altri sintomi di ansia e depressione.

    Un buon sonno si basa su tre pilastri fondamentali:

    – Durata: deve essere sufficiente per svegliarsi riposati e vigili (almeno 6-8 ore negli adulti, 8-10 negli adolescenti)
    – Continuità: la durata del sonno deve essere continua e non frammentata
    – Profondità: il sonno deve essere sufficientemente profondo per risultare ristoratore

    Durante il sonno, il respiro è merce preziosa. I disturbi respiratori del sonno e l’apnea ostruttiva possono causare numerosi problemi di salute, quali l’ipertensione, le patologie cardiache, l’obesità, l’ictus e il diabete di tipo 2. Quando respirare durante il sonno è uno sforzo, l’aspettativa di vita può ridursi anche di 15 anni.

    Il medico odontoiatra è in grado di identificare i soggetti maggiormente a rischio delle apnee notturne attraverso un’analisi della masticazione: la presenza di mandibola piccola e retrusa e, nei bambini, il palato stretto possono comportare questo disturbo e vanno assolutamente corretti.

    Se il paziente lamenta una sonnolenza oltre la norma, il medico odontoiatra potrà suggerire uno specialista del sonno (neurologo, pneumologo o otorinolaringoiatra) per eseguire una polisonnografia al fine di verificare se vi sono episodi di apnee durante la notte.

    Nel caso di russamento o apnee notturne, infine, proporrà un dispositivo orale adeguato con certificazioni internazionali per la cura delle patologie del sonno.

    Credits: Photo by Juan Garcia on Unsplash

    Leave a reply →