• Le proprietà terapeutiche dei funghi Shiitake per la salute di denti e gengive

    Le proprietà terapeutiche dei funghi Shiitake per la salute di denti e gengive

    Le proprietà terapeutiche dei funghi Shiitake – un fungo che cresce su ceppi e tronchi morti o morenti di faggi, querce e castagni – sono innumerevoli: le più note sono quelle antiossidanti, antitumorali, antimicotiche e antivirali. Ricco di vitamina D e aminoacidi essenziali, questo fungo originario dell’Estremo Oriente protegge, tra l’altro, la salute delle gengive e dei denti.

    I funghi medicinali, molto utilizzati dalla medicina tradizionale cinese, sono studiati da decenni anche in occidente per la loro azione di potenziamento del sistema immunitario e le proprietà antimicrobiche, tuttavia non erano mai stati impiegati per il trattamento dei disturbi del cavo orale.

    Uno studio del 2011 ha testato le proprietà antimicrobiche del Shiitake su pazienti affetti da gengivite, un’infiammazione dei tessuti gengivali causata da accumuli di placca batterica sul margine gengivale che, se non curata, può degenerare in parodontite.

    I risultati hanno indicato che i funghi Shiitake abbassano il numero degli organismi patogeni senza compromettere quelli benefici che sono ospitati dal cavo orale, preservando il benessere complessivo di denti e gengive.

    Il consumo di funghi Shiitake aiuterebbe infatti a prevenire anche l’insorgenza delle carie, grazie alla presenza di diversi componenti biologicamente attivi come l’eritritolo, l’acido copalico, l’adenosina, il carvacrolo, ecc., come dimostrato da numerosi test in vivo e in vitro.

    Consumabili cotti ma disponibili anche sotto forma di estratto secco, i funghi Shiitaki sono inoltre utili per ridurre il colesterolo, contrastare l’arteriosclerosi, il raffreddore e l’influenza, rivitalizzare la circolazione, ridurre l’appetito e curare il comune raffreddore.

    L’unica e nota reazione avversa dovuta al consumo di funghi Shiitake è l’eruzione di papule eritematose pruriginose chiamate dermatite Shiitake nei soggetti predisposti. Data la sua spiccata capacità di stimolare il sistema immunitario, il suo consumo è inoltre sconsigliato in caso di malattie autoimmuni e di trapianti.

    Fonti:
    In vitro assessment of shiitake mushroom (Lentinula edodes) extract for its antigingivitis activity.
    Ciric L., Tymon A., Zaura E., Lingström P., Stauder M., Papetti A., Signoretto C., Pratten J., Wilson M., Spratt D. (settembre 2011)

    The Unexplored Anticaries Potential of Shiitake Mushroom.
    Avinash J, Vinay S, Jha K, Das D, Goutham BS, Kumar G. (dicembre 2016)

    Leave a reply →